L’incubo nucleare a tre mesi dal referendum: io non rischio.

Sono trascorse poche ore dal devastante terremoto d’intensità 8.9 della scala Richter che ha colpito il Giappone, e la notizia del governo nipponico, che ha dichiarato lo “stato di emergenza nucleare”, rimbalza nel bel paese. Infatti, come non tutti sanno, il 12 giugno i cittadini italiani saranno chiamati a votare al referendum per abrogare la proposta di legge per la costruzione delle centrali nucleari in Italia.

Ora la domanda è semplice ed intuitiva: il Giappone è uno dei paesi più tecnologicamente avanzati e sicuri del pianeta, ma è anche uno dei più sismici, tanto che questo potentissimo terremoto rischia di farlo cadere in una catastrofe nucleare capace di far impallidire il disastro di Hiroshima. L’Italia, come mostra la cartina, è un paese con un’altissima percentuale di zone sismiche, quindi, il Governo Berlusconi, dove proporrà di costruire le 5, 8, 15 centrali che pretende (il numero definitivo ancora non si è ben capito)? Vogliamo davvero correre il rischio di un disastro nucleare sul nostro già delicatissimo suolo?

Di fronte all’incubo di una catastrofe atomica però la parola d’ordine della lobby nucleare nostrana è “minimizzare”. Basti sentire i vari politici nuclearisti tra cui Pier Ferdinando Casini (UDC), Fabrizio Cicchitto (PDL) che continuano a tener fede alla “follia atomica”, o Gianfranco Fini (FLI) che consiglia di non “farsi prendere dall’emotività”, o il ministro dell’ambiente Stefania Prestigiacomo che parla di “centrali italiane con grandi differenze strutturali da quelle incriminate, tanto da rendere tecnicamente impossibile quello è successo in Giappone”, o i vari Chicco Testa (che nel suo Forum Nucleare Italiano negava la fuoriuscita di radiazioni dalla centrale nucleare di Fukushima, notizia riportata da tutti i media e confermata dal governo giapponese) o Umberto Veronesi, tutte personalità che dichiarandosi esperte, più o meno a ragione, fuorviano l’opinione pubblica, forse per il semplice fatto che hanno in ballo ben più loschi fini economici e interessi commerciali?

Anche di fronte all’incidente giapponese quindi, di cui ancora non si conoscono le sorti, ora più che mai, ci vorrebbe una certa cautela nell’avvallare un ritorno al nucleare italiano, ma i nostri politici, fingendo d’essere dei teorici di fisica nucleare, parlano apertamente di argomenti che non conoscono, come sicurezza e pericolosità ad esempio, temi che la tragedia nipponica sta lentamente mettendo a nudo. Basti pensare che le centrali nucleari di Fukushima e Onagawa, oggi in gravissime condizioni, sono state costruite per sopportare un terremoto di 8,5 gradi della scala Richter, ma ne è arrivato uno di 8,9 che ha fatto cedere le strutture. Pensate che se il terremoto dell’Aquila fosse stato della stessa devastante potenza, avrebbe raso al suolo tutto il centro Italia, Roma compresa. Chi ci assicura che un giorno non arriverà una devastazione tale anche nel nostro paese? Vista l’ironia del destino, arriverà subito dopo la costruzione delle fantomatiche centrali, progettate per resistere a scosse di massimo 7,1 gradi. Per scongiurare un disastro alla Chernobyl  le autorità nipponiche hanno predisposto l’evacuazione di centinaia di migliaia di persone dalle aree intorno alle centrali. Per ora le informazione sono limitate, si parla di un tecnico morto, undici contaminati e un livello di radiazioni pari a 1000 volte i limiti consentiti, tanto che un’ora di esposizione equivale alla quantità radioattiva assorbita in un intero anno. Certo nelle centrali giapponesi il reattore è stato fermato, ma la sicurezza sta nel riuscire subito a raffreddarlo ed è questo che non sempre si è in grado di garantire. Ora nella centrale di Fukushima lo si sta facendo con acqua marina, ma il pericolo è tutt’altro che cessato. Gli pseudo esperti pro nucleare ovviamente diranno che è tutto sotto controllo, che i danni sono lievi o che comunque la centrale, nonostante tutto, ha tenuto, mentre è un’enorme bomba atomica pronta ad esplodere.

Bastano questi pochi dati a far ragionare sulla pericolosità del nucleare, soprattutto nella nostra malsana Italia, in cui le case sono costruite con la sabbia e in cui il terremoto del 6 aprile 2009 ha causato danni incalcolabili e 300 morti, mentre in Giappone non avrebbe fatto cadere nemmeno un cornicione come ha osservato il geologo Mario Tozzi. Inoltre, se a tutto ciò aggiungiamo i vantaggi, l’efficienza energetica, l’economicità, il risparmio e il bassissimo impatto ambientale delle energie rinnovabili, il nucleare diventa il simbolo macabro di un futuro incerto e pericoloso. Le centrali atomiche quindi sono ovviamente una follia criminale verso l’umanità, non sono convenienti, né economiche, né tantomeno sicure perché sempre più vulnerabili a una combinazione di rischi legati ad eventi esterni come i terremoti o agli errori umani o i difetti progettuali.

È per questo che nel nostro già martoriato paese non possiamo permetterci di correre un rischio così grande. Se veramente teniamo al nostro benessere e alla nostra salute, al nostro futuro e a quello dei nostri figli, dobbiamo ribadire quell’importantissimo risultato ottenuto nel 1987, che è stato brutalmente calpestato dall’attuale maggioranza di governo, per cui il 12 giugno l’unica risposta plausibile è un comune e forte “SI” all’abrogazione del nucleare in Italia.

 

Alice Secchi

4 Responses to “L’incubo nucleare a tre mesi dal referendum: io non rischio.”


  1. 1 Carlos 31/01/2016 alle 09:46

    Assist the agenda as you have.

  2. 2 Everette 15/07/2016 alle 02:36

    Nice post. I wɑs checking ϲonstantly thіs
    blog and I’m impressed! Extremely helpful іnformation specіfically tɦe lаѕt part 🙂 Icare fοr suϲh information а lot.
    I waѕ seeking thіѕ articular infformation for a verу ong time.
    Tһank уou and Ьest of luck.

  3. 3 引越し業者 18/08/2016 alle 04:49

    今まで引越しを行ったら、必ず隣近所、そして、大家さんに挨拶をして回るように心がけています。その時に持参する品物は、食品にしています。

    無難なのはタオルかなと思いつつも、なんだか、残念な気がしてしまうからです。適当な和菓子を買って、渡すようにしていますが、喜んでもらっています。

    転居において一番必要なものは運搬物を入れる箱です。細々したものもちゃんと整理して段ボールに入れれば、引越しの作業時間も減少し、スタッフにも感謝されます。

  4. 4 roulette strategy 11/11/2016 alle 16:20

    Heya i am for the firѕt timᥱ here. I ϲame аcross tɦiѕ board
    аnd Ⅰ find Ⅰt realy useful & it helped mе out much.
    І hope tⲟ give sоmething back and aid others ⅼike үоu helped me.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




About us

Questo blog nasce all’interno del corso di Comunicazione sociale della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli studi di Sassari. Ora prosegue la sua strada al di là del lavoro universitario. Il blog, interamente gestito dagli studenti e studentesse del corso di Laurea Magistrale in Mediares – Scienze dello spettacolo e della produzione multimediale, ha come obiettivo quello di riflettere e studiare il mondo della comunicazione analizzandone i contenuti e le forme e proponendo analisi critiche e teoriche su questo variegato mondo.
marzo: 2011
L M M G V S D
« Ago   Apr »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Paperblog


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: